CRESM

Antonio Prof. Bertolotto

Dal 1995 la Fondazione per Ricerca Biomedica ONLUS sostiene le attività della Neurologia 2 dell'Ospedale San Luigi di Orbassano che include il Centro di Riferimento Regionale per la Sclerosi Multipla (CRESM), il Laboratorio di Neurobiologia Clinica, il Laboratorio di Neurofisiologia Clinica Sperimentale e la Banca Biologica.
Il CRESM è uno dei maggiori Centri Sclerosi Multipla d'Italia, ha in carico oltre 2000 pazienti ed è diretto dal Dott. Antonio Bertolotto.
L'obiettivo del CRESM è di fornire adeguata assistenza alle persone con Sclerosi Multipla (SM) e di sviluppare progetti di ricerca scientifica che indaghino tutti i diversi aspetti della patologia, dalla diagnosi alle difficoltà quotidiane legate alle malattie croniche. È l'unico centro in Piemonte e uno dei pochi centri in Italia che, dal 2001, effettuata il trapianto di cellule staminali emolinfopoietiche in pazienti con SM recidivante-remittente molto aggressiva.
Da sempre il personale del CRESM coniuga le competenze tecniche con l’attività di assistenza sanitaria e l’attenzione ai bisogni delle persone con SM: questo significa in primo luogo introdurre sempre tempestivamente i nuovi farmaci nel novero di terapie dispensate, fornire alle persone adeguati mezzi per comunicare con i medici e gli infermieri (come per esempio il nuovo indirizzo e-mail info.cresm@sanluigi.piemonte.it ) e adottare nuove tecniche di assistenza ai pazienti. Nel 2014, per esempio, sono state introdotte due nuove procedure per i pazienti ricoverati in reparto di degenza ordinaria: una nuova tecnica di esecuzione della puntura lombare (che ne riduce notevolmente gli effetti collaterali) e una procedura per aiutare i pazienti con difficoltà di alimentazione (PEG radiologica).
 
Le attività ed i progetti coordinati dal dr. Bertolotto, direttore della Neurologia & Centro Riferimento Regionale Sclerosi Multipla (CRESM) dell’AOU San Luigi, Orbassano. riguardano
  1. l’identificazione di biomarcatori diagnostici, predittori del decorso della malattia e della risposta alle terapie, utilizzando la metodica ultrasensibile SIMOA;
  2. l’individuazione di meccanismi biologici e molecolari coinvolti nella patogenesi della SM che possano rappresentare l’obiettivo di futuri approcci terapeutici;
  3.  la Banca Biologica del CRESM (BB-CRESM), che mette a disposizione dei ricercatori italiani e stranieri campioni biologici e dati clinici
  4. il sostegno psicologico dei pazienti e familiari.   

Gruppo di ricerca
  • Antonio Prof. Bertolotto, neurologo – Direttore
  • Dott.ssa Federica Brescia, tecnico di laboratorio
  • Dott.ssa Martina Borghi, psicologa
  • Dott.ssa Marzia Caldano, farmacista
  • Dott. Marco Capobianco, neurologo
  • Dott.ssa De Nicolò Daniela, tecnico di laboratorio
  • Dott.ssa Alessia Di Sapio, neurologa
  • Sig.ra Gramolelli Daniela, tecnico di laboratorio
  • Dott.ssa Maria Malentacchi, neurologa
  • Dott.ssa Simona Malucchi, neurologa
  • Dott.ssa Fabiana Marnetto, biotecnologa
  • Dott.ssa Serena Martire, biotecnologa
  • Dott.ssa Manuela Matta, neurologa
  • Dott.ssa Federica Melillo, tecnico di neurofisiologia
  • Dott.ssa Francesca Montarolo, biologa
  • Dott.ssa Alessandra Oggero, neurologa
  • Dott.ssa Simona Perga, biotecnologa
  • Dott.ssa Arianna Sala, biologa
  • Dott. Scavelli Francesco, tecnico di riabilitazione psichiatrica
  • Dott.ssa Spadaro Francesca, biologa
  • Dott.ssa Francesca Sperli, neurologa
  • Dott. Walter Troni, neurologo
  • Dott.ssa Paola Valentino, biotecnologa 
Sede dei Laboratori
Il CREMS ha sede presso l'A.O.U. San Lugi Gonzaga – Orbassano (TO)
Fondazione Cavalieri-Ottolenghi, Laboratorio Neurobiologia Clinica, Ospedale San Luigi di Orbassano
Contatti